REGOLAMENTO DIDATTICO DELLA SCUOLA DI SPECIALIZZAZIONE IN PSICOANALISI DELLA RELAZIONE

  1. Scopo La Scuola di Specializzazione in Psicoanalisi della Relazione, di cui al Regolamento Ministeriale dell’11.12.1998 n. 509, riconosciuta con decreto ministeriale il 29.01.2001 (Gazzetta ufficiale del 19 febbraio 2001 n. 41), ha lo scopo di impartire agli allievi una formazione professionale idonea all’esercizio dell’attività psicoterapeutica/analitica secondo l’indirizzo teorico e metodologico di “Psicoanalisi della relazione” in setting individuale con pazienti adulti.
  2. Sedi e durata La Scuola ha la durata di quattro anni ed ha luogo negli Istituti della Società Italiana di Psicoanalisi della Relazione di Milano e di Roma.
  3. Ammissione Ai corsi possono essere ammessi i laureati in psicologia o in medicina e chirurgia, iscritti ai rispettivi albi.
    • Possono essere iscritti anche i laureati non ancora in possesso del titolo di abilitazione all’esercizio professionale, purché questo venga conseguito entro la prima sessione utile successiva all’effettivo inizio dei corsi.
    • Possono anche essere iscritti per un Corso abbreviato, coloro che abbiano già acquisito una formazione in Psicoterapia psicoanalitica dopo la data del 18 febbraio 1989, presso Istituti che abbiano presentato domanda di riconoscimento al MURST prima dell’entrata in vigore della legge 15 maggio 1997, n. 127.
    • Il Corso abbreviato viene concordato con il Consiglio d’Istituto in base alle seguenti indicazioni ministeriali:
      • approvazione da parte del Consiglio d’Istituto della formazione pregressa in relazione alla convergenza con l’indirizzo “Psicoanalisi della Relazione”;
      • completamento delle ore di analisi personale fino al raggiungimento di 480 ore;
      • completamento delle ore d’insegnamento fino al raggiungimento di 260 ore il primo anno e 220 il secondo, terzo e quarto anno;
      • espletamento di 120 ore annue di tirocinio nell’ambito della cura dell’adulto;
      • gli allievi del Corso abbreviato sono in aggiunta al numero stabilito dal Consiglio d’Istituto per il Corso normale.
  4. Graduatoria di ammissione Il numero degli allievi ammessi al primo anno di corso è stabilito dal Ministero. L’ammissione avviene in base ad una graduatoria compilata secondo i seguenti criteri: data di presentazione della domanda d’iscrizione (10 punti); esito di due colloqui individuali sulle motivazioni e sulle attitudini alla professione di Psicoterapeuta ad indirizzo Psicoanalisi della relazione (50 punti); quantità di ore di analisi personale effettuate al momento della domanda (20 punti); esercizio in atto dell’attività professionale (10 punti); pubblicazioni (10 punti).
  5. Frequenza La frequenza ai corsi è obbligatoria. Essendo le lezioni a carattere seminariale, è richiesta la partecipazione attiva da parte degli studenti, sostenuta dallo studio previo degli argomenti. Qualora, per giustificati motivi, si verificasse un’assenza superiore al 10% del monte ore di una materia, il Consiglio d’Istituto valuterà la necessità di attivare un percorso di recupero.
  6. Articolazione della formazione Il numero delle ore di insegnamento teorico e di formazione pratica è di 500 ore annuali. Il totale delle ore d’inse­gna­men­to teorico e di formazione pratica del corso è di 2.000 ore. La formazione prevede 290 ore di insegnamento teorico generale, 380 ore di insegnamento teorico specifico dell’indirizzo Psicoanalisi della Relazione, 850 ore di formazione pratica e 480 ore di tirocinio.
  7. Tirocinio Il tirocinio pratico è obbligatorio e deve essere svolto nell’ambito della cura dell’adulto in strutture o servizi pubblici o privati accreditati per un totale di 120 ore annue, con l’obiettivo di acquisire esperienza di diagnosi clinica e di intervento anche in situazioni di emergenza. è compito della Scuola stipulare la convenzione con la struttura o il servizio accreditato per il tirocinio.
  8. Analisi personale Ai fini del conseguimento del diploma, allo specializzando è richiesto lo svolgimento di un’analisi personale.
    • Le società di appartenenza dell’analista scelto dallo specializzando possono essere la S.I.P.Re. (Società Italiana di Psicoana­lisi della Relazione), l’I.P.A. (International Psychoanalytic Association) o l’I.F.P.S. (International Federation of Psychoanalytic Societies).
    • Eventuali deroghe al precedente punto vanno concordate con la Direzione della Scuola e approvate dal Direttore d’Istituto.
    • E’ richiesto che l’analisi personale inizi, al più tardi, con l’avvio del primo anno accademico.
    • L’analista non è coinvolto nel sistema valutativo della Scuola.
  9. Supervisione individuale Sempre ai fini del conseguimento del diploma, lo studente è tenuto ad effettuare, a partire dal secondo anno di Corso, 120 ore di supervisione individuale con un supervisore SIPRe su casi clinici da lui seguiti (40 ore annue).
  10. Passaggio di anno di corso Per l’ammissione ad ogni anno di corso successivo lo studente dovrà ottenere dal Consiglio d’Istituto un giudizio positivo riguardo a:
    • la frequenza e la qualità della partecipazione ai corsi;
    • l’esito delle prove di esame (scritte e/o orali) sui corsi svoltisi durante l’anno (il mancato superamento dell’esame rimanda alla sua ripetizione nella sessione successiva). Il giudizio del profitto agli esami sarà espresso in trentesimi.
    • lo svolgimento delle 120 ore di tirocinio.
    • salvo restando le condizioni dei punti 1. 2. 3., alla fine del primo anno per il passaggio agli anni successivi è richiesto un colloquio con il Direttore della Scuola o un membro del Consiglio d’Istituto per la valutazione comune dell’espe­rienza maturata.
  11. Partecipazione Il Consiglio Consultivo (CC) è l’organo di gestione della Scuola composto dal Consiglio Direttivo d’istituto (CDI) e da due rappresentanti per ogni classe eletti a maggioranza. Il CC si riunisce almeno una volta l’anno o su richiesta degli studenti. Suo compito è di verificare l’andamento della formazione e di proporre cambiamenti utili ad una sua maggiore qualità.
  12. Diploma finale Al termine del corso, il Diploma di Psicoterapeuta Psicoanalitico secondo l’indirizzo di Psicoanalisi della Relazione viene conferito dal Consiglio Direttivo della SIPRe, su proposta del Consiglio d’Istituto. L’esame finale di diploma prevede la presentazione e discussione di un elaborato scritto di argomento teorico o clinico dal quale si possa evincere l’acquisizione di competenze cliniche e psicoterapeutiche. Gli specializzandi sono invitati a contattare, a loro scelta, un docente disponibile con il quale concordare l’argomento di tesi. Il Consiglio d’Istituto assegnerà successivamente il co-relatore che parteciperà alla discussione in commissione di tesi. Gli allievi verranno ammessi all’esame di diploma con una votazione calcolata sulla media dei voti dei quattro anni e sulla qualità della partecipazione al percorso formativo dei 4 anni (si terrà conto anche della percentuale di assenze). L’esito dell’esame di diploma verrà espresso in voti con un massimo di 50/50 ed eventuale segnalazione della “lode”.
  13. Criteri per il conseguimento del diploma finale La valutazione della formazione personale raggiunta e del livello di preparazione teorico-clinica, ai fini del conferimento del diploma finale, si basa sui seguenti criteri:
    • Il superamento di tutti gli esami previsti dal programma (tesine ed altre prove dovranno essere approvate e firmate dai rispettivi docenti).
    • Certificati di tirocinio (in originale, timbrato e su carta intestata), attestanti l’effettuazione delle 480 ore.
    • Attestato del monte ore di analisi personale (almeno 480)
    • Attestato del monte ore di supervisione individuale (almeno 120)
    • Libretto di formazione, compilato in ogni sua parte
    • Copie dei bonifici che dimostrino il saldo di ogni pendenza economica con la Scuola.
  14. Fuori corso Dopo il termine delle lezioni del IV° anno di corso, lo specializzando potrà discutere la tesi e conseguire il diploma entro la successiva sessione invernale (febbraio-marzo). Scaduto tale termine, lo specializzando potrà rimanere iscritto nella posizione di “fuori corso”, fino al conseguimento del diploma, pagando una quota che da diritto alla partecipazione dei seminari mirati organizzati dalla scuola.
  15. Libretto personale Il curriculum formativo viene certificato nel personale Libretto di Formazione sul quale verranno registrate le attività svolte.
  16. Associazione alla S.I.P.Re. e I.F.P.S. Terminata la Scuola di Specialità e conseguito il diploma di Psicoterapeuta ad indirizzo Psicoanalisi della relazione, può essere richiesta l’associatura alla Società Italiana di Psicoanalisi della Relazione (S.I.P.Re.) e alla International Federation of Psychoanalytic Societes (I.F.P.S.).
CENTRI SIPRE

Scrivici per avere informazioni:

A norma e per gli effetti del D./Lgs. 196/2003, autorizzo il trattamento dei dati personali e/o sensibili che a seguito della presente sottoscrizione Vi dovessero essere necessari ai fini dell’espletamento del mandato ricevuto. Per maggiori informazioni www.garanteprivacy.it