VI Festival della complessità a Parma

Il Centro e l’Istituto di Psicoanalisi della Relazione di Parma in collaborazione con SIPReParmaLab

partecipano al

Festival della complessità

Fa tappa a Parma il Festival della Complessità promosso a livello nazionale da DEDALO ’97, AIEMS, ASVSA,CEP e COMPLEXITY INSTITUTE, APS3 e a livello locale da SIPRe, COINETICA, Istituto di Psicoterapia Sistemica Integrata, Il RuoloTerapeutico di Parma, Gruppo Scuola coop. soc. in collaborazione con La Feltrinelli, Officine On/Off, Hub Cafè, Basi e il patrocinio dell’Università di Parma.
Tre incontri per conversare intorno alla complessità e alle implicazioni del pensiero complesso sulla nostra vita quotidiana, sulla salute, sull’economia e la finanza, sulla cultura, sulla politica, sull’ambiente e sul lavoro.
“Una città o un ecosistema sono organismi viventi? Possiamo spiegare i nostri comportamenti con una formula matematica? Che significa che nel nostro pianeta tutto è collegato? Siamo in grado di prevedere come sarà nostro figlio tra pochi anni, così come gli astronomi prevedono dove sarà la cometa di Halley tra centinaia di anni?
Il Festival della complessità vuole contribuire a dare delle risposte a queste e ad altre domande. Così viene come proposto in queste righe, invita a fare delle passeggiate con la mente nella complessità in cui è immersa la nostra vita e a riflettere sulla differenza abissale che passa tra complesso e complicato.
Il Festival nasce cinque anni fa con l’idea di aprire una finestra dalla quale osservare la realtà con occhi sistemici. Propone di confrontarci in modo nuovo e fecondo con situazioni e problemi complessi, reticolari, sistemici che riguardano la nostra vita e che vanno dalla biologia alla politica, dalla medicina all’economia, dalla fisica alla scuola, dai rapporti umani al management. L’approccio sistemico più che una nuova scienza è un modo nuovo di guardare alla scienza e alla realtà. Richiede un cambiamento di mentalità. Ma ciò, nella storia dell’uomo, non è una novità…”
Fulvio Forino

www.dedalo97festivaldellacomplessita.it

PROGRAMMA DI PARMA

Giovedì 4 giugno – ore 18
HubCafè – Piazzale Bertozzi Parma
“La semplicità della complessità. Perché è necessario pensare complesso? Perché l’inclusione del terzo rende cogente il tema della fraternità?”
Sergio Manghi con Nicola Artico, Fabio Vanni e Antonio Restori

Lunedì 8 giugno
Ex IAT – Via Melloni, 1b Parma
“Fare insieme per sopravvivere alla complessità del quotidiano”
A cura di Gruppo Scuola coop. soc. in collaborazione con Officine On/Off
ore 10,30-11,30 “Co-produrre per sopravvivere” – Laboratorio intergenerazionale (8-99 anni) di coding
ore 17,00-18,30 – “Condividere per sopravvivere” – Incontro/confronto tra esperienze collaborative locali

Venerdì 12 giugno
Libreria Feltrinelli – Via Farini, 17 -Parma
ore 16,00
“Sguardi incrociati: contesti postcoloniali e soggettività femminili in transizione”
Vincenza Pellegrino ed il Gruppo Sguardi Incrociati del Centro Interculturale di Parma
Ore 17,45
“Le ferite della genitorialità”
Fabio Monguzzi, Marina Everri, Simona Montali, Fabio Vanni e la collaborazione di Andrea Torsello Ore 19,30
“Psicoterapia oggi…..e domani”
Paolo Moderato con Giovanni Bilancia, Antonino Minervino, Antonio Restori, Fabio Vanni con la conduzione di Beppe Facchini

Fabio Vanni è psicologo e psicoterapeuta, direttore della Scuola di Specializzazione in Psicoterapia con Adolescenti e Giovani della SIPRe di Parma. Psicologo Dirigente e Referente del Programma Adolescenza dell’Ausl di Parma, Referente del Progetto Adolescenza per la provincia di Parma della Regione Emilia Romagna.

Antonio Restori è psicologo e psicoterapeuta, direttore della Scuola di Specializzazione in Psicoterapia Sistemica Integrata IDIPSI di Parma.

Psicologo Dirigente e Referente del Centro di Terapia della Famiglia dell’Ausl di Parma.

Nicola Artico è psicologo e psicoterapeuta di formazione sistemica. E’ responsabile dell’UO di Psicologia dell’Ausl di Livorno

Sergio Manghi è professore ordinario di Sociologia dei processi culturali e comunicativi nell’Università di Parma, autore di numerosi volumi ed articoli su argomenti relativi alla complessità.

Vincenza Pellegrino è Ricercatrice nel Dipartimento di Giurisprudenza dell’Università di Parma, insegna ‘Sociologia dei processi culturali e comunicativi’ e ‘Politiche sociali’

Fabio Monguzzi è psicologo e psicoterapeuta, di formazione sistemico-relazionale è approdato dopo un lungo iter esperienziale ad una vicinanza con i modelli relazionali in psicoanalisi. Lavora a Milano in pratica privata collaborando con diversi enti ed istituzioni.

Giovanni Bilancia è medico neuropsichiatra dell’infanzia e dell’adolescenza, direttore della Scuola di psicoterapia Accademia di Neuropsicologia dello Sviluppo – ANSvi di Parma

Antonino Minervino è medico psichiatra, Direttore del Dipartimento di Salute Mentale dell’Azienda Ospedaliera di Cremona, Direttore didattico Scuola di specializzazione in psicoterapia conversazionale di Parma, vicepresidente SIMP.

Paolo Moderato è professore all’Università IULM di Milano, membro del Comitato Scientifico dell’Accademia di Scienze Comportamentali e Cognitive (ASCCO) di Parma.

Scarica la locandina dell’evento

CENTRI SIPRE

Scrivici per avere informazioni:

A norma e per gli effetti del D./Lgs. 196/2003, autorizzo il trattamento dei dati personali e/o sensibili che a seguito della presente sottoscrizione Vi dovessero essere necessari ai fini dell’espletamento del mandato ricevuto. Per maggiori informazioni www.garanteprivacy.it