L’assunzione del paziente da parte dell’analista: vicissitudini all’interno di un processo.

Il Centro SIPRe di Milano organizza una giornata di FORMAZIONE SOCI APERTA AGLI AGGREGATI dal tema L’ASSUNZIONE DEL PAZIENTE DA PARTE DELL’ANALISTA: VICISSITUDINI ALL’INTERNO DI UN PROCESSO Sabato 24 marzo 2018 Via Carlo Botta, 25 Milano   Che cosa significa “assumersi un paziente”? Che cosa significa “assumersi” il proprio ruolo di analista? “Assunzione” che si rinnova ad ogni incontro e che conosce una parabola significativa sia nell’interazione con i singoli pazienti che nella vita professionale dell’analista, che si pone in rapporto con quella “autenticità” che ci pare ingrediente importante di un buon processo terapeutico, nei termini di disponibilità del terapeuta a essere presente a se stesso nella relazione con un altro. Un tema che può anche a interrogarci sul rapporto con le analisi interrotte, con le analisi intermittenti, con le analisi interminabili, con la configurazione insomma che ogni analisi assume. Un termine che siamo abituati a usare ma che connota un vissuto dai confini sfuocati, che non intendiamo definire a priori, ma che proponiamo come spunto da cui partire per tentare di illuminare insieme una esperienza densa, profonda e ricca di sfumature. Un termine insaturo per stimolare il confronto e il lavoro tra professionisti che condividono il gusto e la passione per l’incontro, sempre nuovo e diverso, con l’altro.   PROGRAMMA: Ore 9.15 Introduzione ai lavori (Chiara Montingelli, Consigliere del Centro di Milano) Ore 9.30 L’analista oggetto di delega e la delega dell’analista: ostacoli e ponti verso l’assunzione del paziente (Valentina Piroli, Socia Sipre) Ore 10.15 Lo sviluppo di uno stile analitico personale, durante il percorso di assunzione del ruolo di analista (Antonio Dipietro, Socio Sipre) Ore 11.00 Break Ore 11.30 Oltre l’assunzione:...

La “saggezza” delle emozioni nell’operare clinico

Istituto SIPRe Parma presenta La “saggezza” delle emozioni nell’operare clinico Sabato 10 Marzo 2018 ore 9.00 – 17.30 SIPRe – Strada Repubblica, 61 – Parma   In questo incontro Daniela De Robertis metterà a fuoco gli apporti della psicologia sperimentale, delle scienze cognitive e della psiconeurologia, per delineare un modello più attualizzato delle emozioni, impiegabile nella clinica. Sarà pertanto presentato un nuovo inquadramento che punta a rivalutare il ruolo adattivo delle emozioni le quali, in qualità indici di autoregolazione, di regolazione interattiva e di regolazione delle condotte, svolgono funzioni di automonitoraggio e segnalazione. Nell’area del disagio psichico assistiamo ad un restringimento dello spettro emozionale e ad un impoverimento funzionale delle esperienze emotive. Riconoscere e mettere a tema le emozioni nel qui ed ora della seduta permette d’includere tra gli obbiettivi dell’agire clinico i dispositivi utili al conseguimento di una maggiore competenza emozionale del paziente.   Daniela De Robertis è filosofo, psicologo e psicoanalista. È membro, docente e supervisore della SIPRe e socio dell’IFPS. Si dedica da oltre trent’anni a studi sulle tematiche epistemiche della psicoanalisi e sul cross-over con le scienze cognitive, nonché alle ricadute nella clinica di tali ricerche, di cui ha pubblicato numerosi contributi su riviste italiane e internazionali. Vive e lavora a Roma   Simona Calloni è Psicologa, Psicoterapeuta SIPRe, Docente presso l’Istituto SIPRe di Parma e Milano.   Doleres Rollo è Professore Associato di Psicologia dello Sviluppo e dell’Educazione, Università di Parma.   Stefano Rozzi è Ricercatore Dipartimento di Medicina e Chirurgia, Unità di Neuroscienze, Università di Parma.     Programma della giornata   Primo Panel : Un cross-over tra discipline psiconeurocognitive e clinica psicoanalitica Chair del...
CENTRI SIPRE

Scrivici per avere informazioni:

A norma e per gli effetti del D./Lgs. 196/2003 e del regolamento europeo n. 679/2016, GDPR e successive modifiche, autorizzo il trattamento dei dati personali e/o sensibili che a seguito della presente sottoscrizione Vi dovessero essere necessari ai fini dell’espletamento del mandato ricevuto. Per maggiori informazioni www.garanteprivacy.it

Informativa Privacy