Stephen Seligman – Infant Research e clinica psicoanalitica. Le implicazioni terapeutiche della ricerca infantile

Centro SIPRe di Roma Scuola di specializzazione in psicoterapia ad indirizzo “Psicoanalisi della Relazione” di Roma Organizza un INCONTRO/CONFRONTO CON Stephen Seligman Infant Research e clinica psicoanalitica. Le implicazioni terapeutiche della ricerca infantile SABATO 18 MAGGIO 2019 Casa Bonus Pastor (Via Aurelia 208 ROMA)   IL TEMA DELL’INCONTRO Le diverse concettualizzazioni dell’infanzia e dello sviluppo infantile, che si sono susseguite da Freud ad oggi, hanno determinato pratiche cliniche molto differenti. Ma come l’immane mole di studi che vanno sotto il nome complessivo di Infant Reserach ha ampiamente dimostrato, non è più negabile il ruolo giocato dalle relazioni nello sviluppo psichico dell’essere umano. Essendo ormai riconosciuta tale funzione di organizzatore dello sviluppo mentale svolto dalla relazione intersoggettiva, Stephen Seligman ne esamina le implicazioni cliniche per la psicoterapia dinamica, sia per gli adulti che per i bambini, integrando i dati provenienti dalla ricerca sullo sviluppo infantile con gli odierni contributi della psicoanalisi relazionale.   PROGRAMMA Mattina 9.00 – 13.00 09.00                   Registrazione dei partecipanti Chair            Olga Spagnuolo 09.30 – 10.00    Olga Spagnuolo INTRODUZIONE AI LAVORI 10.00 – 11.15      Stephen Seligman Gli aspetti interattivi, emotivi e non-verbali dell’intervento psicoanalitico e dell’esperienza dell’analista 11.15 – 11.45       Coffee Break 11.45- 12.30       Discussant Silvia Andreassi 12.30-13.30       CONFRONTO/DIBATTITO CON IL PUBBLICO 13.30 – 15.00    Pausa pranzo Pomeriggio 15.00 – 18.00 Chair            Roberto De santis  15.00 – 16.00    Stephen Seligman Ascoltare interrogandosi: l’assetto mentale dell’analista come fattore di cambiamento terapeutico 16.00-16.30       Discussant Marcello Florita 16.30 – 17.30    CONFRONTO/DIBATTITO CON IL PUBBLICO 17.30 –18.00     QUESTIONARIO ECM...

RICERCA E PSICOANALISI: QUALE DIALOGO? L’utilità degli studi sull’efficacia nella pratica clinica dello psicoanalista

Centro SIPRe di Roma e Scuola di specializzazione in psicoterapia ad indirizzo “Psicoanalisi della Relazione” di Roma Con il Patrocinio dell’Ordine degli psicologi del Lazio organizza RICERCA E PSICOANALISI: QUALE DIALOGO? L’utilità degli studi sull’efficacia nella pratica clinica dello psicoanalista SABATO 23  MARZO 2019 Centro Congressi Cavour (Via Cavour, 50/a – ROMA) IL TEMA DELL’INCONTRO Attualmente la connessione tra ricerca e clinica, soprattutto in psicoanalisi, è ancora debole: gli psicoterapeuti non sono interessati ai risultati che emergono dalle ricerche empiriche, solitamente viste come irrilevanti o “aliene” rispetto al loro vertice osservativo. Tuttavia, esponenti di spicco del panorama psicoanalitico internazionale hanno di recente evidenziato l’esigenza di uno sforzo creativo da parte delle associazioni e delle scuole psicoanalitiche verso una valorizzazione della ricerca empirica, anche allo scopo di fornire un’immagine pubblica realistica, efficace e d’interesse della psicoanalisi, a rischio di esclusione dai servizi pubblici di salute mentale. In quest’ottica, il seminario si propone di offrire una panoramica generale dello stato dell’arte della ricerca italiana e internazionale in psicoterapia, con l’intento, inoltre, di favorire una riflessione sull’utilità e sulle implicazioni della ricerca empirica nella pratica clinica e terapeutica. PROGRAMMA MATTINA 09.00 – 13.30 08.30                 Registrazione dei partecipanti Chair Laura Bonalume 09.00 – 09.30 Laura Bonalume Introduzione ai lavori PSICOANALISI, RICERCA E FORMAZIONE: QUALE DIALOGO POSSIBILE OGGI 09.30 – 10.15   Gianluca Lo Coco LO STATO DELL’ARTE NELLA RICERCA IN PSICOTERAPIA 10.15– 11.00    Ingrid Erhardt RICERCA E PSICOTERAPIA PSICOANALITICA: UNO SGUARDO ALL’ESPERIENZA TEDESCA 11.00– 11.30    Coffee Break 11.30 – 12.15    Enrico Benelli RICERCA EFFICIENTE E SOSTENIBILE SULL’EFFICACIA DELLE PSICOTERAPIE PSICODINAMICHE: L’ESPERIENZA DELL’ANALISI TRANSAZIONALE 12.15 – 13.30 CONFRONTO/DIBATTITO CON IL PUBBLICO 13.30 – 14.30 Pausa pranzo POMERIGGIO 14.30– 17.45 Chair Laura Corbelli 14.30 –...

“PDM-2” Un nuovo concetto di Diagnosi nel ciclo di vita

L’Istituto SIPRe di Milano presenta PDM-2 Un nuovo concetto di Diagnosi nel ciclo di vita Sabato 9 Marzo 2019 Via Carlo Botta, 25 Milano   Gli autori del PDM-2 fondano la formulazione della diagnosi su parametri di conoscenza nomotetica e ideografica. L’ integrazione delle due aree permette di inserire accanto alla descrizione classica della tassonomia dei disturbi psichici una tassonomia di persone. La diagnosi si allontana dal connotato stigmatizzante della classificazione nosografica per aprirsi a un’ottica processuale. Si tratta di una metanoia in atto verso una concezione del sintomo come soluzione idiosincratica che quel io-soggetto trova per reggersi in piedi? Vittorio Lingiardi  Psichiatra e psicoanalista, professore ordinario di Psicologia dinamica presso La Sapienza Con la partecipazione di: Paolo Cozzaglio Medico psichiatra, psicoanalista junghiano Massimo Fontana Medico, Psicoterapeuta, Direttore dell’Istituto SIPRe di Roma Elena Patrizi Psicoanalista e Docente di Tecnica   PROGRAMMA SCIENTIFICO 09.15    Registrazione dei partecipanti 09.30  Introduzione: Romina Coin, Direttore SIPRe 09.45    Vittorio Lingiardi 12.15    Massimo Fontana  Commento e discussione 13.00    Pausa pranzo                                                   Chair Eleonora D’Onofrio, psicoterapeuta SIPRe 14.30  Tavola rotonda: Elena Patrizi, Paolo Cozzaglio 16.00  Intervallo 16.30  Tavola rotonda: Paolo Cozzaglio, Elena Patrizi 17.30  Dibattito con il pubblico 18.30  Conclusione dei lavori   ISCRIZIONI (IVA inclusa)   Professionisti ed esterni: € 60 Soci SIPRe, Diplomandi SIPRe e Convenzionati GSPP: € 45 Studenti universitari (con presentazione libretto universitario): € 25 Allievi SIPRe: gratuito Non saranno accettate iscrizioni in loco   Non sono previsti crediti ECM   Scarica il depliant dell’evento SCHEDA DI ISCRIZIONE...

PROSPETTIVE E CAMBIAMENTI NELLA PSICHIATRIA NELLE ISTITUZIONI

SIPRE e Area Progetto Coppia propongono PROSPETTIVE E CAMBIAMENTI NELLA PSICHIATRIA NELLE ISTITUZIONI: SAPERNE DI PIU’PER COLLABORARE MEGLIO Sabato 2 marzo 2019, Auditorioum Padri Cappuccini, Via Kramer 5, Milano Una giornata di incontro con gli psichiatri e di incontro con gli psicoterapeuti che con loro lavorano per collaborare meglio. Un’occasione per approfondire insieme gli orientamenti della psichiatria nelle istituzioni, le diverse forme di collaborazione e di pratiche cliniche. PROGRAMMA 9.30                                     Registrazione partecipanti 9.45                                     Presentazione dei lavori: “Fare il punto sulla psichiatria nelle istituzioni”, P. Cozzaglio 10.00 – 11.00                  Interventi dei relatori 11.00 – 11.30                   Pausa 11.30 – 12.00                   Interventi dei relatori 12.00 – 13.00                  Confronto con il pubblico 13.00 – 14.30                  Pranzo 14.30 – 16.00                  Tavola rotonda: “Best practices di collaborazione tra psichiatri e psicoterapeuti” 16.00 – 17.30                  Confronto con il pubblico 17.30                                   Chiusura lavori Relatori Paolo Cozzaglio, chairman, Primario srea Psichiatrica Centro Sant’Ambrogio Fatebenefratelli di Cernusvco sul Naviglio, Psicoanalista junghiano, Socio CEPEI e SIPRe Giacinto Buscaglia , psichiatra DSM n.2 Savonese Maria Frova, già Direttore f.f. Psichiatria 1- DSM A.O. Niguarda Marco Riva, psichiatra, psicoterapeuta Studio 12, Presidente Associazione Ottocento   Destinatari Psichiatri, Psicoterapeuti, studenti Scuole di Psicoterapia. Crediti ECM E’ previsto l’accredito di 5...

L’esperienza della posizione depressiva dell’Analista – Steven H. Cooper

Gli Istituti SIPRe di Milano e di Parma presentano Per una Psicoanalisi esistenziale: l’esperienza della posizione depressiva dell’Analista Steven H. Cooper Sabato 15 dicembre 2018 Istituto SIPRe, via Carlo Botta, 25 Milano L’esperienza della “Posizione depressiva” è un “ metodo” che prevede un profondo contatto con se stessi, con la forma che il giovane psicoterapeuta si costruisce negli anni della formazione e che in seguito configura nella pratica clinica, una disposizione ad accettarsi attivamente in un processo che coinvolge la vita. La posizione depressiva è un ritorno su di sé e, per definizione, non è mai del tutto conquistata, è sempre in fieri. Il faro del Metodo analitico quindi non è più puntato solo sul paziente secondo un’epistemologia positivistica o sull’analista, occorre pensare all’analista come soggetto che incontra e entra in relazione con un altro soggetto. Steven H. Cooper Psicoanalista e docente di fama internazionale, analista e supervisore presso la Boston Psychoanalytic Society and Institute, è anche professore associato in Psichiatria presso la Harvard Medical School e Co-Chief Editor Emeritus presso Psychoanalytic Dialogues. Con la partecipazione di: Romina Coin Psicoanalista, direttore dell’Istituto SIPRe di Milano Ada Labanti Psicoanalista, direttore dell’Istituto SIPRe di Parma Eugenia Pelanda Psicoanalista, direttore dell’Istituto Area G Olga Spagnuolo Psicoanalista, direttore del Centro SIPRe di Roma PROGRAMMA SCIENTIFICO 09.00 Registrazione dei partecipanti 09.15 Introduzione: Maria Pia Roggero 09.30 Steven H. Cooper: La Posizione Depressiva come metodo 11.00 Intervallo 11.30 Steven H. Cooper: Essere Psicoanalisti oggi 13.00 Pausa pranzo Chair: Maria Pia Roggero 14.30 Steven Cooper: Il caso di Kate 16.00 Intervallo 16.30 Tavola rotonda caso di Kate: R. Coin, A. Labanti, E. Pelanda, Olga Spagnolo. 17.30 Dibattito con...

Omosessualità e tematiche LGB: Psicoterapia e Ricerca

Il Centro di Milano della Società Italiana di Psicoanalisi della Relazione Organizza il seminario : OMOSESSUALITA’ E TEMATICHE LGB: PSICOTERAPIA E RICERCA Sabato, 10 Novembre Via Carlo Botta 25 Milano   I dati della ricerca APO Lombardia 2018 pongono in evidenza come i professionisti della salute mentale percepiscano delle serie difficoltà nel parlare apertamente tanto di clinica quanto di teoria relative all’orientamento sessuale. Quanto ne sappiamo sui temi LGB e quali teorie abbiamo in mente? Come rispondere alle domande dei pazienti? Che tipo di questioni specifiche possono suscitare I pz lgb in noi terapeuti? Scopo della giornata formativa è quello di dare voce e risposta a tali difficoltà, a partire proprio dagli ultimi dati di ricerca nazionali e internazionali e dal confronto clinico sul tema. PROGRAMMA SCIENTIFICO: 9.15 Introduzione ai lavori (Flavia Micol Levi – Psicoterapeuta SIPRe, Consigliere del Centro di Milano) 9.30 Quanto ne sappiamo davvero di omosessualità? Riflessioni a partire dalla ricerca APO 2018 (Anna Giulia Curti- psicoterapeuta SIPRe, presidente di Bussole LGBT) 10.30 Dalla depatologizzazione dell’omosessualità ai giorni nostri: clinica e ricerca (Nicola Nardelli – Psicoterapeuta, Dottore di Ricerca in Psicologia Dinamica e Clinica presso l’Università La Sapienza di Roma) 11.30 Break 12.00 Esemplificazioni cliniche (Nicola Nardelli – Psicoterapeuta, Dottore di Ricerca in Psicologia Dinamica e Clinica presso l’Università La Sapienza di Roma) 13.00 Pausa Pranzo 14.30-16.30 Tavola rotonda con i relatori e dibattito. (Interverrà Francesco Dettori- psicoterapeuta e psicoanalista, Socio SIPRe e AIPCF) Chair: Flavia Micol Levi – Psicoterapeuta SIPRe 16.30 Fine lavori COSTI Soci e studenti sipre: gratuito Aggregati Sipre: 25€ Esterni: 50€   Scarica la Brochure dell’evento   SCHEDA DI ISCRIZIONE Per informazioni mail:...
CENTRI SIPRE

Scrivici per avere informazioni:

A norma e per gli effetti del D./Lgs. 196/2003 e del regolamento europeo n. 679/2016, GDPR e successive modifiche, autorizzo il trattamento dei dati personali e/o sensibili che a seguito della presente sottoscrizione Vi dovessero essere necessari ai fini dell’espletamento del mandato ricevuto. Per maggiori informazioni www.garanteprivacy.it

Informativa Privacy