SEMINARIO CON MIGUEL BENASAYAG. Clinica della post-modernità: la psicoterapia tra iper-individualismo e dipendenza

Centro SIPRe di Roma Scuola di specializzazione in psicoterapia ad indirizzo “Psicoanalisi della Relazione” di Roma Con il Patrocinio di: Ordine degli psicologi del Lazio SEMINARIO CON MIGUEL BENASAYAG CLINICA DELLA POST-MODERNITA’: LA PSICOTERAPIA TRA IPER-INDIVIDUALISMO E DIPENDENZA SABATO 21 SETTEMBRE 2019 Centro Congressi Cavour (Via Cavour 50/a- ROMA) IL TEMA DELL’INCONTRO Che la psiche personale non sia mai una cosa del tutto “privata”, è un dato che dovrebbe essere oramai quasi ovvio, se non fosse per il fatto che in quanto psicoanalisti siamo stati per tanto tempo portati a dimenticarcelo. Naturalmente, in quanto psicoterapeuti siamo orientati a concentrare la nostra attenzione sulla percezione che l’altro ha di se stesso, ma non dovremmo mai trascurare il fatto che sia noi che i pazienti siamo immersi in un contenitore culturale che ci comprende entrambi e che entrambi continuiamo, a volte molto inconsapevolmente, a mantenere. In un’epoca come la nostra dominata dalle “passioni tristi” oltre ché dal disorientamento indotto dall’ebbrezza digitale, la sofferenza che le persone ci portano nei nostri studi di psicoterapia è spesso caratterizzata da vissuti di precarietà e di impotenza oltre ché da un vuoto di “senso” in cui smarrita sembra essere la base stessa di ciò che costituisce la fondazione ontologica del soggetto umano: i limiti “territoriali” del corpo e i legami “ecologici” con gli altri. In che modo, in quanto psicoterapeuti, ci confrontiamo con tutto ciò? Quale è la responsabilità “etica” che la psicoterapia oggi non può più permettersi di ignorare? Convinti come siamo che la risposta a queste domande non sia impresa meramente individuale, intendiamo con questo seminario offrire un’occasione di incontro e confronto dove...

La “saggezza” delle emozioni nell’operare clinico

Istituto SIPRe Parma presenta La “saggezza” delle emozioni nell’operare clinico Sabato 10 Marzo 2018 ore 9.00 – 17.30 SIPRe – Strada Repubblica, 61 – Parma   In questo incontro Daniela De Robertis metterà a fuoco gli apporti della psicologia sperimentale, delle scienze cognitive e della psiconeurologia, per delineare un modello più attualizzato delle emozioni, impiegabile nella clinica. Sarà pertanto presentato un nuovo inquadramento che punta a rivalutare il ruolo adattivo delle emozioni le quali, in qualità indici di autoregolazione, di regolazione interattiva e di regolazione delle condotte, svolgono funzioni di automonitoraggio e segnalazione. Nell’area del disagio psichico assistiamo ad un restringimento dello spettro emozionale e ad un impoverimento funzionale delle esperienze emotive. Riconoscere e mettere a tema le emozioni nel qui ed ora della seduta permette d’includere tra gli obbiettivi dell’agire clinico i dispositivi utili al conseguimento di una maggiore competenza emozionale del paziente.   Daniela De Robertis è filosofo, psicologo e psicoanalista. È membro, docente e supervisore della SIPRe e socio dell’IFPS. Si dedica da oltre trent’anni a studi sulle tematiche epistemiche della psicoanalisi e sul cross-over con le scienze cognitive, nonché alle ricadute nella clinica di tali ricerche, di cui ha pubblicato numerosi contributi su riviste italiane e internazionali. Vive e lavora a Roma   Simona Calloni è Psicologa, Psicoterapeuta SIPRe, Docente presso l’Istituto SIPRe di Parma e Milano.   Doleres Rollo è Professore Associato di Psicologia dello Sviluppo e dell’Educazione, Università di Parma.   Stefano Rozzi è Ricercatore Dipartimento di Medicina e Chirurgia, Unità di Neuroscienze, Università di Parma.     Programma della giornata   Primo Panel : Un cross-over tra discipline psiconeurocognitive e clinica psicoanalitica Chair del...

Una Rosa sul banco

SIPRe Parma presenta UNA ROSA SUL BANCO Il sostegno al lutto per eventi traumatici e suicidio nella rete con la scuola Seminario Sabato 17 febbraio 2018 Distretto del Cinema di Parma Via Mafalda di Savoia, 17a Parma Gli eventi traumatici, in particolare quelli autoprocurati come il suicidio, pongono alle comunità di vita delle persone che li compiono l’esigenza di processi elaborativi di grande complessità, soprattutto se l’autore del gesto è un adolescente. Darsi conto da parte di un insegnante, di un dirigente scolastico, di un gruppo di compagni di classe del perché Francesco non c’è più o del perché Marina sia sparita non è cosa facile. In molte parti del mondo sono attivi sistemi d’intervento che aiutano i survivors ad una digestione dell’evento, contengono i rischi di emulazione ed i fenomeni di risonanza affettiva che possono essere molto intensi, danno un senso più comprensibile all’accaduto e ai vissuti che ne derivano all’interno delle organizzazioni. In alcuni paesi questi programmi si estendono agli eventi traumatici in generale (incidenti, azioni criminali, etc), eventi purtroppo tutt’altro che rari anche nelle nostre comunità scolastiche e di vita (società sportive, gruppi amicali, luoghi di lavoro) degli adolescenti. E’ attivo a Milano da alcuni anni un progetto di post vention suicidaria che vede in collaborazione alcuni soggetti pubblici e privato-sociali. Abbiamo chiesto a due degli psicologi referenti di questo progetto di raccontarcelo e di confrontarsi con noi su di esso per valutare la sua replicabilità, mutatis mutandis, nella nostra realtà. Programma: 8,30: Iscrizioni 8,50: Fabio Vanni: Presentazione 9: Film: ‘Class Enemy’ di Rok Bicek (2013) 11: Pausa 11,30: Antonio Piotti: ‘Suicidio giovanile, impatto sociale e...

Innamorarsi a 16 Anni

SPAG – Parma Scuola di Specializzazione in Psicoterapia ad indirizzo Psicoanalisi della Relazione con Adolescenti e Giovani presenta   INNAMORARSI A 16 ANNI Sabato 4 Marzo 2017 SPAG Parma Strada Repubblica 61, Parma dalle 9:00 alle 17:00 Nella giornata d’incontro di quest’anno con Michele Minolli ci scambieremo delle idee, e anche delle emozioni, su quello che accade in adolescenza attorno al tema della nascita della coppia. I suoi antecedenti esplorativi, le sue peculiari configurazioni, i suoi esiti, le sue attuali, a volte assai creative, modalità espressive. Lo faremo con l’aiuto di testimonianze e sguardi di giovani adulti che porteranno la loro esperienza ravvicinata ma anche dotata di prospettiva professionale, e di psicologi esperti di ‘ado’. Relatori:   Michele Minolli psicologo e psicoanalista, pastpresidente co-fondatore nonché docente e supervisore della SIPRe Barbara Galanti ginecologa, referente ‘Spazio Giovani’ AuslParma Nora Marzi psicologa e psicoterapeuta, terapeuta familiare, AuslModena Giuliana Nico psicologa e psicoterapeuta, fa parte del Gruppo di Psicopatologia Psicoanalitica dell’Adolescenza di ‘Psicoterapia e Scienze Umane’ Fabio Vanni psicologo e psicoterapeuta, vicedirettore SPAG e direttore ‘Ricerca Psicoanalitica’, psicologo AuslParma Scarica il depliant dell’evento Costi: Soci e aggregati SIPRe: 35 euro i.i. Studenti SIPRe, studenti e tirocinanti in psicologia e medicina e chirurgia: gratuito Altri: 50 euro i.i. Data la capienza della sede è necessario iscriversi preventivamente anche in caso di partecipazione gratuita SCHEDA DI ISCRIZIONE Per informazioni: Iscrizioni: www.sipreonline.it Mail: infospag@sipreonline.it Tel....

MEMORIE DEL PRESENTE NELLA CLINICA PSICOANALITICA

Il Centro SIPRe di Parma organizza il seminario MEMORIE DEL PRESENTE NELLA CLINICA PSICOANALITICA Parma, 4 febbraio 2017 ore 9:00-17:30 Centro SIPRe di Parma, Strada Repubblica, 61 – Parma In questo incontro Daniela De Robertis metterà a fuoco gli apporti della psicologia sperimentale, delle scienze cognitive e della psiconeurologia, utili a delineare un modello della memoria più attualizzato e  impiegabile nella clinica . Nel corso dell’incontro la relatrice  proporrà un inedito inquadramento che punta sulla plasticità dei ricordi e sulla  considerazione che  essi non sono strumenti riproduttivi, ma autopoietici,  per i quali il ricordo,  nel momento in cui si evoca, si crea/ricrea . Verrà quindi a delinearsi un modello mnestico da adoperare nella pratica clinica che promuove una diversa concezione dell’inconscio, che introduce nel lavoro con il paziente la salienza del tempo intrapsichico e che confuta il  ruolo tradizionale dell’ analista-archeologo. Con la partecipazione di: Daniela De Robertis è filosofo, psicologo e  psicoanalista. E’ membro, docente e supervisore della SIPRe e socia IFPS. Si dedica da oltre trent’anni a studi relativi alle tematiche epistemologiche della psicoanalisi, al cross-over fra psicoanalisi e scienze affini, alle tematiche della coscienza e del tempo psichico nonché alle ricadute cliniche di questi sviluppi teorici. Su tali argomenti ha pubblicato numerosi articoli su riviste italiane e straniere. Vive e lavora a Roma.   Paola Corsano è Professore Associato di Psicologia dello Sviluppo e dell’Educazione e Presidente del Corso di Laurea in Psicologia dello sviluppo clinico e sociale nell’Università di Parma   Ada Labanti è psicologa e psicoanalista, socia SIPRe e IFPS, Direttore, docente e supervisore della Scuola di Psicoterapia con Adolescenti e Giovani della SIPRe di...

Elogio della Finitezza

Il Centro SIPRe di Parma in occasione della giornata mondiale UNICEF del bambino e dell’adolescente, organizza il seminario ELOGIO DELLA FINITEZZA   Parma, 19 novembre 2016 11:00-17:00 Biblioteca Monumentale San Giovanni, Piazza San Giovanni, 1 Parma, 20 novembre 2016 8:15-13:00 Centro SIPRe di Parma Strada Repubblica, 61 Incontrare esperienze inattese, discontinue e altre, viene quasi sempre interpretato nella nostra società come più o meno ingiusta e intollerabile frustrazione, con rabbioso dispetto, senza cogliere il valore che queste esperienze dolorose possono avere divenendo preziose per imparare di sé, per tener conto meglio di cosa mettiamo in campo nella nostra vita, per stare dentro ad un movimento continuamente autodefinitorio nel quale parti vaganti di sé ed inattesi eventi ci destabilizzano ma, possibilmente, c’insegnano di noi e quindi del mondo.   Sabato Gabriella Ripa di Meana ci parlerà del sintomo come esperienza da onorare e non già come fastidioso inciampo vitale, Maria Inglese ci racconterà il carcere come luogo di esperienza della finitezza del tempo e dello spazio vitale, Rocco Caccavarici dirà della morte e delle opportunità che la prospettiva di essa ci offre. Domenica mattina si realizzeranno tre laboratori, a scelta, al fine di esperire la finitezza in relazione con tre diverse tematiche: corpo: con Lucia Nicolussi Perego, suono e parola: con Dhap e Dank, morte: con Loredana Scianna.   Chairs Ada Labanti: Psicologa, psicoterapeuta, Direttore della Scuola di Psicoterapia con Adolescenti e Giovani – SPAG Parma. Fabio Vanni: Psicologo, Psicoterapeuta, Vicedirettore della Scuola di Psicoterapia con Adolescenti e Giovani – SPAG Parma. Ausl Parma. Relatori Gabriella Ripa di Meana: Psicanalista, da trent’anni tiene seminari aperti a partecipanti di varie discipline, ha pubblicato dieci libri...
CENTRI SIPRE

Scrivici per avere informazioni:

A norma e per gli effetti del D./Lgs. 196/2003 e del regolamento europeo n. 679/2016, GDPR e successive modifiche, autorizzo il trattamento dei dati personali e/o sensibili che a seguito della presente sottoscrizione Vi dovessero essere necessari ai fini dell’espletamento del mandato ricevuto. Per maggiori informazioni www.garanteprivacy.it

Informativa Privacy