X Festival della Complessità – Verona

Festival della Complessità

ALLE PRESE CON LA PAURA IN UN MONDO COMPLESSO

Martedì 28 maggio 2019

presso il Teatro Laboratorio

Verona

si terrà l’incontro, patrocinato dal Comune di Verona, “Alle prese con la paura in un mondo complesso”, inserito all’interno del macro-evento “Festival della Complessità”, che si svolge contemporaneamente in tutta Italia in varie sedi e con vari incontri, tra maggio e luglio.
Ormai siamo alla 10^ edizione di questo grande evento, che nasce come festival “tradizionale”, per diventare diffuso a km zero nel 2014, con un’impostazione di tipo “sistemico”, incentrata a mobilitare il patrimonio di risorse scientifiche e culturali presenti a livello locale. I protagonisti sono scienziati, medici, psicologi, direttori sanitari, biologi, ricercatori ed esperti di complessità in varie discipline, coinvolti nel promuovere essa e l’approccio sistemico, attraverso conversazioni e tavole rotonde alla quale possono accedere curiosi e specialisti.
L’idea di creare un Festival della Complessità sorge dalla convinzione che la natura, la vita, i sistemi biologici, le persone siano complessi; che siano complessi i sistemi sociali, le città, i linguaggi, la crescita, lo sviluppo. Sono complesse le relazioni e l’interdipendenza che ne deriva, dalle quali nascono collaborazioni ed integrazioni, egoismi e conflitti. Viviamo immersi nella complessità e comprenderla stimola la ricerca di soluzioni spontanee, inedite.
Dopo il grande successo delle quattro edizioni organizzate a Milano, tutte patrocinate dal Comune, il Festival è sbarcato a Verona l’anno scorso, con l’evento “Vivere o Performare? La complessità dello stare al mondo”, sempre all’interno della cornice del Teatro Laboratorio, riscuotendo un enorme successo. Come per l’anno passato, la manifestazione “Alle prese con la paura in un mondo troppo complesso” consisterà in una conversazione a tavola rotonda, così da creare i presupposti per una partecipazione attiva dei fruitori, in modo che si possano sentire parte integrante del dibattito.

Interverranno in una conversazione aperta:

 Stefano Baccaglini: psichiatra e già medico di base;
 Michele Gangemi: pediatra e formatore al counseling sistemico;
 Rebecca Silvia Rossi: psicologa, psicoterapeuta;
 Chiara Veneri: formatrice ad indirizzo sistemico.

L’incontro che proponiamo a Verona sarà aperto al pubblico e gratuito, con l’obiettivo di stimolare
una riflessione critica in merito alla tematica scelta: che significato ha la paura nell’era della
complessità? Abbiamo più paura rispetto al passato? Sono cambiate le credenze in merito?

 

Scarica il depliant dell’evento

 

Possiamo ritenere la paura una risorsa? Che significato può assumere all’interno della sofferenza?
Di cosa abbiamo paura? Quali sono le soluzioni che troviamo per vivere in quest’era così complessa?
Tale tema è stato scelto in quanto di grande interesse sociale: andrà a toccare, con professionisti di quattro settori diversi ma in sinergia tra loro, questioni attuali ed emergenti, cercando di capire le implicazioni, gli impatti ed i cambiamenti che si stanno creando nella società e negli individui, e le modalità con le quali cerchiamo di farvi fronte. Sfondo e fil rouge di tale riflessione sarà il paradigma della complessità, che si nutre del dialogo tra forme espressive e discipline differenti.
Nel corso dell’evento, si ragionerà sui meccanismi di funzionamento dell’individuo nell’interazione con i vari sistemi (famiglia, lavoro, amici, società), partendo da alcune riflessioni sulla complessità dell’agire umano fino a cercare di spiegare la sofferenza psichica e la prassi di intervento e cura della stessa.
Con questa iniziativa si vuole comunicare la possibilità di un nuovo modo di guardare il mondo, di comprendere la realtà e di agire, proprio dell’approccio sistemico.

CENTRI SIPRE

Scrivici per avere informazioni:

A norma e per gli effetti del D./Lgs. 196/2003 e del regolamento europeo n. 679/2016, GDPR e successive modifiche, autorizzo il trattamento dei dati personali e/o sensibili che a seguito della presente sottoscrizione Vi dovessero essere necessari ai fini dell’espletamento del mandato ricevuto. Per maggiori informazioni www.garanteprivacy.it

Informativa Privacy